Aggressione omofoba allo scrittore ischitano Di Costanzo. "Effetto del clima d'odio leghista"

Giorgio Di Costanzo, militante comunista e scrittore, è stato picchiato e insultato da un gruppo di ragazzi a Barano d'Ischia - per il solo fatto di essere omosessuale. Arcigay: "Otto aggressioni solo da giugno a Napoli"

(Giorgio Di Costanzo, foto da facebook)

Il noto scrittore ischitano Giorgio Di Costanzo è stato aggredito a Barano d'Ischia da un gruppo di ragazzi. Circondato, picchiato, scaraventato a terra solo perché omosessuale. Gli omofobi aggressori si sarebbero allontantati dopo la violenza mentre Di Costanzo è stato soccorso dai Carabinieri e poi accompagnato all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. 

Solidarietà allo scrittore è stata espressa da Antonello Sannino, presidente di ArciGay: "Questo è il settimo caso di aggressione omofoba che avviene a Napoli dal primo giugno. Il 35esimo in Italia. Il clima d'odio leghista rende sempre più insicuro e violento il nostro Paese". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folla in via Toledo, da Alcott c'è Oslo de "La casa di carta"

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

Torna su
NapoliToday è in caricamento