Galleria Umberto, presentati i lavori di restauro conservativo delle facciate

L’importo dei lavori eseguiti sull’immobile è pari a circa 3 milioni di euro

Recuperare e rilanciare la Galleria Umberto I significa anche contribuire alla rinascita culturale e turistica di Napoli. Questa la sintesi della conferenza stampa organizzata questa mattina da Sidief (società immobiliare controllata dalla Banca d’Italia a cui sono stati conferiti i beni non strumentali della stessa, compreso un quarto della Galleria) per presentare i lavori di restauro conservativo di uno dei luoghi simbolo della città partenopea.

Il progetto di restauro avviato dalla Sidief è stato condotto con le tecniche più avanzate di diagnostica finalizzate a orientare in modo inequivocabile le successive attività di restauro.

Particolare rilevanza hanno avuto le operazioni di restauro sui fronti interni. Grazie alle indagini di laboratorio e allo studio storico, è stato possibile riportare alla luce l’immagine originale dell’edificio. Sui fronti esterni, invece, si è restituito il trattamento uniforme delle superfici a connotare la dimensione di larga scala originaria del manufatto dai toni dell’avorio e del giallo chiaro a imitazione della pietra naturale.

Nella stesura della tinta finale sono stati valorizzati i dettagli della variazione dei toni sulle cornici e sulle superfici piane, a dare maggior effetto di profondità ai caratteri dell’apparecchiatura decorativa del fabbricato. Ogni singola sporgenza, decoro e più in generale ogni elemento di facciata è stato consolidato e vincolato in maniera solida alle strutture di sostegno. L’incremento dei requisiti di sicurezza, seppur nel rispetto della storicità del bene, risolve definitivamente il rischio di caduta o distacco dovuti al naturale degrado dei vecchi sistemi di appendimento.

Per la realizzazione delle attività, la Sidief ha costruito da prima uno staff tecnico e poi uno realizzativo, coordinando l’intero processo di project e construction management del restauro con la supervisione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune e la Provincia di Napoli e degli uffici tecnici della Municipalità. L’importo dei lavori eseguiti sull’immobile è pari a circa 3 milioni di euro.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

Torna su
NapoliToday è in caricamento