Pescatori di frodo all'opera nella riserva marina della Gaiola

La piccola oasi protetta di ripopolamento marino rischia di essere danneggiata da "professionisti" e "dilettanti" della pesca illegale, almeno 20 i sequestri a settimana in estate

Gaiola

Pescatori di frodo in azione nella riserva protetta della Gaiola, a Posillipo.

La piccola oasi naturale, di 42 ettari, ospita una spettacolare fauna marina che va dalle murene ai guarracini, oltre ai saraghi, polipi e donzelle.
A spiegare quanto di illegale e dannoso per l'ambiente marino stia accadendo, è Pietro Treccagnoli dalle pagine de Il Mattino.

Il nostro piccolo paradiso marino, spiega Treccagnoli, è gestito dalla Sovrintendenza ai Beni archeologici e paesaggistici, con la sorveglianza del Corpo Forestale della provincia di Napoli diretto dal commissario capo Rosa Codella. Una manciata di persone, perché queste sono le possibilità, che fanno il possibile e anche l'impossibile per controllare, monitorare e scongiurare i pericoli della pesca illegale in questo lembo di acqua che nasconde grotte spettacoli e ruderi delle antiche civiltà dalle quale discendiamo.

Un pezzo di mare molto pescoso, che fa gola a tanti, nonostante il rischio di una sostanziosa sanzione (oltre mille euro) e la possibilità di una denuncia penale.

Il Commissario Codella spiega al giornalista del Mattino che nel periodo estivo si rilevano almeno 20 infrazioni alla settimana, ma la pesca di frodo è attiva tutto l'anno, specialmente nei periodi estivi (come a Natale) in cui si vende molto (e caro) il pesce freschissimo.

Purtroppo la maggior parte delle denunce restano contro ignoti, racconta ancora Colella, perché i pescatori illegali arrivano in immersione dall'esterno della riserva, per poi risalire a galla con il bottino rubato. Difficile individuarli in questo modo. E se pescano con i fucili rischiano anche di danneggiare il parco sommerso.

Insomma, non solo illegalità ma anche superficialità e mancanza di rispetto per uno dei patrimoni più importanti che abbiamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'OMS anti Coronavirus

  • Coronavirus, positivi altri 7 tamponi: i casi campani potrebbero salire a 11

  • Coronavirus, primo caso a Napoli: 50enne in buone condizioni

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Coronavirus, Il virologo della Federico II: "Prudenza e intelligenza. Non è peste ma superinfluenza"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento