Furti in casa, Bagnoli nel mirino: è la “banda della chiave bulgara”

Capaci di aprire senza problemi porte blindate con una sorta di chiave universale, sono gli autori di numerosi “colpi” verificatisi di recente e negli anni scorsi. L'ultimo, stamattina

Immagine d'archivio

Il quartiere di Bagnoli è recentemente stato preso di mira da una banda di topi d'appartamento. L'ultimo colpo è avvenuto stamane, in via Diomede Carafa 58 (il cosiddetto “Parco dei Fiori”): i malviventi hanno aspettato che l'inquilino lasciasse l'appartamento intorno alle 10 per andare a fare la spesa, quindi hanno colpito del tutto indisturbati.

L'aspetto che maggiormente sta spaventando i residenti è che le porte blindate del quartiere non sembrano essere un ostacolo per i ladri. “Niente forzatura, sono entrati dalla porta – racconta la vittima del furto – e hanno portato via l'oro di mia moglie allontanatasi per 10 minuti”.

Le altre vittime parlano di una banda che tiene d'occhio gli spostamenti delle loro vittime designate e poi entra in azione. Utilizzano con ogni probabilità la cosiddetta “chiave bulgara”, una sorta di “chiave morbida” che legge i codici della serratura i quali vengono poi copiati su di un secondo strumento detto “tensore”.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

Torna su
NapoliToday è in caricamento