L'ultimo saluto ad Alessandra Madonna: i funerali a Melito

La città si stringe intorno alla famiglia della 24enne ballerina, morta dopo essere stata trascinata dall'auto del suo ex

Alessandra Madonna, foto Romano

All'esterno della chiesa, in piazza Santo Stefano, le prime persone si erano affacciate già alle 9. Per Melito oggi è una giornata di profondo cordoglio: si celebrano i funerali della 24enne Alessandra Madonna, rimasta uccisa dopo essere stata trascinata dall'auto del suo ex ragazzo nella notte tra giovedì e venerdì scorso.

La città si è fermata per qualche ora, un momento di raccoglimento per una giovane vita rimasta spezzata senza una spiegazione. Poi alle 11 è iniziata la funzione. Surreale il silenzo all'arrivo - intorno alle 10 - della bara bianca di Alessandra, circondata dalle tantissime persone che hanno voluto salutarla un'ultima volta.

LUNGO APPLAUSO ALL'USCITA DELLA BARA DI ALESSANDRA|VIDEO

Rappresentanti delle istituzioni, parenti, amici. Magliette con il volto della ragazza, palloncini e fiori bianchi. La città sembra volersi stringere tutta intorno ad Alessandra, riversandosi nella chiesa di Santa Marina delle Grazie. "Alessandra non doveva morire", è il grido di dolore dei presenti. Il dolore è palpabile: una parente della ragazza ha accusato un malore, è stata portata fuori.

Giuseppe Varriale, l'ex della ragazza, intanto resta ai domiciliari. L'accusa, confermata ieri dal giudice, è di omicidio volontario.

Alessandra muore in ospedale, la disperazione dei familiari | VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, grave lutto per Luisa Amatucci: si è spenta la madre

  • Lutto per l'attore Alessandro Preziosi, è morto il padre Massimo

  • Ancelotti, lo splendido post della figlia Katia: "Napoli è una mamma. Vado via piangendo"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 9 al 13 dicembre

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Ibra e Torreira i principali obiettivi per gennaio?

  • Ancelotti rompe il silenzio, il messaggio sui social dopo l'esonero

Torna su
NapoliToday è in caricamento