Fumo in Circum, De Luca: "I passeggeri dovevano prendere il mitra"

Duro commento del governatore su quanto accaduto ieri alle persone che viaggiavano su un treno lungo la tratta Baiano-Napoli

Un frame del video

Le immagini di quanto accaduto ieri ad un treno della Circumvesuviana diretto da Baiano a Napoli, con i passeggeri costretti a scendere tra i binari per un surriscaldamento che aveva riempito di fumo i vagoni, hanno suscitato una dura reazione del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Il video del problema alla Circum diretta a Piazza Garibaldi

Il commento del governatore

"Quando ho visto le immagini di quello che è accaduto ieri alla Circumvesuviana – ha dichiarato il governatore a margine di un convegno sulle politiche abitative – mi è venuto il sangue agli occhi, credo che quei passeggeri avrebbero dovuto prendere il mitra per il disagio sopportato".

De Luca però ha anche difeso l'operato di Eav, sottolineando che "scontiamo decenni di nulla nel trasporto pubblico, ci sono mezzi che stanno lì da trent'anni perché da allora non si è avviata una politica di treni e mezzi su gomma, né c'è stato un intervento per sulla sicurezza dei binari e sui sistemi di controllo delle stazioni ferroviarie", e che adesso il parco treni sta finalmente per essere rinnovato.

L'incontro tra De Luca e De Gregorio

Sulla vicenda è tornato anche il presidente di Eav Umberto De Gregorio. "In merito all’episodio di ieri in Circumvesuviana ho avuto un cordiale colloquio con il Presidente De Luca – ha scritto – al quale ho spiegato con dovizia di particolari la situazione che mi hanno rappresentato i dirigenti tecnici. Sino ad ora mi ero astenuto da commenti, volevo prima capire; il comunicato di ieri non era mio ma della Direzione Trasporto. Come sempre ho avuto il pieno appoggio di De Luca ad andare avanti nelle azioni in atto: investimenti ed assunzioni".

"Certamente – prosegue De Gregorio – i pendolari hanno ragione a lamentarsi dei treni: pochi, vecchi ed affollati. Certamente episodi come quello di ieri non dovrebbero capitare e ci scusiamo. Ma capitano purtroppo e sono sempre capitati. Cosa fare? Quello che stiamo facendo: gare per nuovi treni, nuove assunzioni, investimenti su infrastruttura e sicurezza (oltre 1,5 miliardi di euro, 3 anni fa tutti i cantieri erano chiusi). I dirigenti ed il personale che gestisce la circumvesuviana è lo stesso di venti e dieci anni fa. Sono soltanto sempre meno e sempre più vecchi, quindi oberati e stanchi, come i treni. Faremo anche un concorso per due nuovi dirigenti tecnici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio dai canali ufficiali della soap

  • Nuova allerta meteo a Napoli, la decisione sulle scuole per lunedì 18 novembre

  • Emergenza strade: un'altra voragine si apre al Vomero

  • Ex calciatori italiani a rischio povertà, l'ex Napoli Stendardo lancia l'allarme

  • Nuova allerta meteo gialla su Napoli e provincia per 24 ore

  • Pioggia e vento su Napoli e Campania, prorogata l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento