Un assegno da 31mila euro per la famiglia del vigilante ucciso

"Sono fondi raccolti grazie a una sottoscrizione tra Eav e Regione Campania", spiega il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli

Napoli ha risposto nel migliore dei modi e sta continuando a farlo anche in questi giorni, dando una risposta esemplare alla violenza della baby gang che ha ucciso Francesco Della Corte nella stazione di Piscinola”. Lo riferisce il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, sottolineando che “il presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio, ha annunciato che, nei prossimi giorni, sarà consegnato un primo assegno da 31.000 euro alla famiglia Della Corte, anche se la raccolta fondi non si ferma ancora”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono soldi raccolti grazie alla sottoscrizione avviata da Regione ed Eav” ha aggiunto Borrelli per il quale “è un segnale di vicinanza che arriva a una famiglia distrutta da una tragedia immane e che dimostra il grande spirito di solidarietà che anima tanti campani visto che la somma è stata raccolta nel giro di un paio di settimane". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Casatiello napoletano: la ricetta di Enrico Porzio

  • Il lockdown di Valentina Nappi: "Senza mutande a casa col mio ragazzo e un pitone"

Torna su
NapoliToday è in caricamento