Forno di un pastificio usato per bruciare rifiuti: la scoperta

Denunciato un 88enne incensurato di Marigliano. Sequestrata la struttura con una canna di 20 metri d'altezza

Una volta veniva utilizzato per cuocere il pane. Adesso è diventato un inceneritore di rifiuti domestici. È quello che hanno scoperto i carabinieri della stazione di Marigliano che hanno denunciato un 88enne incensurato del posto. I militari sono stati avvisati da alcuni abitanti del centro città che vedevano delle colonne di fumo nero alzarsi nel centro città accompagnate cattivi odori.

La scoperta 

Così si sono recati sul posto e hanno scoperto che un vecchio forno di un pastificio adesso era diventato un inceneritore di rifiuti. Lo hanno confermato anche alcuni testimoni che hanno permesso ai militari di risalire alla fonte dei roghi. Si trattava di un forno con una canna dell'altezza di circa 20 metri da dove venivano espulsi i fumi che arrivavano nell'atmosfera. All'interno del forno sono stati ritrovati resti di rifiuti di ogni tipo. Di solito venivano bruciati rifiuti agricoli e domestici. L'intera struttura è stata sequestrata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Litigio furibondo all'esterno di un bar, giovane presa a schiaffi dal fidanzato

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

Torna su
NapoliToday è in caricamento