Si fingeva sorella del giudice Cantone: avvocato condannato

Accusata di truffa è stata condannata a cinque anni e due mesi di reclusione

La notizia fece il giro di tutti i giornali, da quelli nazionali a quelli locali. Adesso il processo si è concluso con la condanna a cinque anni e due mesi di reclusione. È la pena inflitta all’avvocatessa originaria di Cervinara che si fingeva sorella del presidente dell’Anac, Raffaele Cantone.

In comune avevano solo il cognome, ma secondo quanto stabilito dal giudice del tribunale di Avellino, avrebbe truffato due clienti promettendo sentenze favorevoli grazie alla parentela (falsa) in cambio di una somma di denaro. Complessivamente i clienti le avrebbero oltre 280mila euro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

Torna su
NapoliToday è in caricamento