Fiat di Pomigliano, operai contro CR7: "Lavoriamo 10 giorni al mese, così spendete i soldi?"

Vibranti proteste si sollevano dallo stabilimento Fca - proprietà Agnelli come la Juventus. Operai indispettiti dall'acquisto del portoghese: "Siamo in cassa integrazione, poi la Fca spende 120 milioni l'anno per le sponsorizzazioni"

Cristiano Ronaldo alla Juventus ha già scatenato il pessimismo dei tifosi napoletani per la prossima lotta scudetto. Ma le proteste vere e proprie si sollevano da Pomigliano d'Arco, sede della fabbrica Fiat, proprietà Agnelli come la Juventus. Come riportato dal Corriere del Mezzogiorno, alcuni operai si sentono mortificati: "Sono 18 anni che lavoro in Fiat e non ho un aumento da dieci anni", dice un rappresentante. "Tutti gli stabilimenti sono in cassa integrazione, qui a Pomigliano lavoriamo 11-12 giorni al mese. Però la Fca spende 126 milioni all'anno di sponsorizzazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: sospetto caso di Coronavirus

  • L'Amica Geniale 2, le anticipazioni sugli episodi 3 e 4

  • Muore dopo il parto: indaga la Procura

  • Coronavirus, è epidemia sulla Diamond Princess: tornano a casa i campani a bordo

Torna su
NapoliToday è in caricamento