Corso Umberto, i negozianti pagano extracomunitari per pulire: "Gli spazzini sono scomparsi"

Polemiche sulla pulizia della via dello shopping

Foto E. Cella

Alcuni extracomunitari, su commissione dei titolari di diversi esercizi commerciali del posto, hanno ripulito i marciapiedi di corso Umberto, eliminando erbacce e rifiuti.

"Gli addetti all'Asìa da diversi giorni non si vedono in zona - dichiara Enrico Cella, presidente dell'associazione 'Vivere il quartiere' - È inaudito che i titolari di esercizi commerciali devono pagare per far pulire l'area pedonale. La pulizia della strada, così come la rimozione di erbacce spetta agli addetti comunali dell'Asìa, cosa che difficilmente avviene nei tempi previsti".

"Paghiamo le tasse - dichiara un commerciante della zona - e in cambio dovremmo avere servizi. Perché questo non avviene? È normale che dobbiamo provvedere alla pulizia con nostri soldi?".

La richiesta di Cella al sindaco Luigi de Magistris è che venga "tenuto conto che corso Umberto è la strada dello shopping", e quindi "di non abbandonare queste persone e attuare tutte le iniziative mirate alla pulizia, alla manutenzione del verde e delle aree pedonali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Coronavirus cinese: le istruzioni del Ministero della Salute

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Droga e bombe nascoste nel magazzino: arrestato 26enne napoletano

  • "Non voglio andare al Loreto Mare, portatemi al Cardarelli": paziente prende a testate l'autista del 118

Torna su
NapoliToday è in caricamento