Corso Umberto, i negozianti pagano extracomunitari per pulire: "Gli spazzini sono scomparsi"

Polemiche sulla pulizia della via dello shopping

Foto E. Cella

Alcuni extracomunitari, su commissione dei titolari di diversi esercizi commerciali del posto, hanno ripulito i marciapiedi di corso Umberto, eliminando erbacce e rifiuti.

"Gli addetti all'Asìa da diversi giorni non si vedono in zona - dichiara Enrico Cella, presidente dell'associazione 'Vivere il quartiere' - È inaudito che i titolari di esercizi commerciali devono pagare per far pulire l'area pedonale. La pulizia della strada, così come la rimozione di erbacce spetta agli addetti comunali dell'Asìa, cosa che difficilmente avviene nei tempi previsti".

"Paghiamo le tasse - dichiara un commerciante della zona - e in cambio dovremmo avere servizi. Perché questo non avviene? È normale che dobbiamo provvedere alla pulizia con nostri soldi?".

La richiesta di Cella al sindaco Luigi de Magistris è che venga "tenuto conto che corso Umberto è la strada dello shopping", e quindi "di non abbandonare queste persone e attuare tutte le iniziative mirate alla pulizia, alla manutenzione del verde e delle aree pedonali".

Potrebbe interessarti

  • Ogni quanto bisogna lavare le lenzuola e perché

  • Formiche: tutti i rimedi per allontanarle di casa

  • Il miglior bartender d'Italia è Salvatore Scamardella

  • Sai quali sono gli alimenti da non congelare a casa?

I più letti della settimana

  • Morta sull'Asse mediano: la vittima è Imma Papa

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 24 al 28 giugno: Diego si mette nei guai

  • Tragico incidente sull'Asse Mediano: morta una donna

  • Muore noto commerciante: il cordoglio sui social

  • Un napoletano conquista All Together Now: Rega vince con Pino Daniele e De Crescenzo

  • Addio alla storica acquaiuola di via dei Tribunali: si è spenta Carmela

Torna su
NapoliToday è in caricamento