Estorsioni per il clan “Vannella-Grassi”: due uomini in manette

I titolari dell'azienda hanno subito denunciato. Si presentarono dicendo «ti cercano i compagni»

Due uomini sono stati per estorsione in cantiere dai carabinieri della stazione di Secondigliano hanno arrestato. Si tratta di un 46enne di San Pietro a Patierno e un 47enne di Casoria, entrambi noti alle forze dell'ordine e ritenuti vicini al clan della “Vanella Grassi”. Un contributo fondamentale all'attività dei carabinieri lo hanno fornito le loro vittime che hanno denunciato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo la ricostruzione i due si sarebbero presentati in un cantiere edile in cui a dirigere i lavori c’erano il titolare dell’impresa di costruzioni e il suo amministratore delegato dicendo che “li cercavano i compagni”. Gli imprenditori si sono recati dai carabinieri di Secondigliano denunciando la richiesta estorsiva. Quando gli esattori si sono presentati di nuovo al cantiere nel pomeriggio per riscuotere il “pizzo”  sono stati bloccati dai carabinieri

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

Torna su
NapoliToday è in caricamento