Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

La deflagrazione è avvenuta in una traversa di via Staffetta. Sul posto anche i vigili del fuoco. Un ferito è stato trasportato al Cardarelli e l'altro al San Giuliano di Giugliano

Paura nella zona tra Lago Patria e Varcaturo, dove un forte boato è stato avvertito dalla cittadinanza poco prima delle 18 di oggi.

Ad esplodere è stata una villetta lungo via Staffetta: due persone sono rimaste ferite, pare gravemente.

"Un serbatoio di gpl è esploso in un’abitazione a via Torre Magna, traversa di via Staffetta – era stato il primo comunicato diramato dal sindaco di Giuliano Antonio Poziello – Ci sarebbero feriti. Sul posto agenti del Commissariato di Giugliano e della Polizia Municipale, chiesto l’intervento dei tecnici comunali".

"Ci sono due feriti gravi - ha successivamente puntualizzato Poziello - uno trasportato al Cardarelli, l’altro al San Giuliano. L'esplosione ha riguardato una villetta. La causa potrebbe essere una fuga di gas. Sul posto i Vigili del Fuoco ed i tecnici comunali che stanno facendo verifiche".

Pare che quanto avvenuto possa essere dovuto ad una fuga di gas.

Esplosione a Giugliano, in gravissime condizioni il paziente ricoverato presso il Centro Grandi Ustionati del Cardarelli, come conferma la direzione sanitaria dell’Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli. Il giovane è comunque sveglio e cosciente ma presenta ustioni profonde (prevalentemente di terzo grado) estese al 70 per cento della superficie corporea. Al momento il paziente è sottoposto a trattamento con antidolorifici e supporto delle funzioni vitali. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Napoletana denunciata a Varese: documenti falsi per un finanziamento

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Un Posto al Sole non andrà in onda venerdì 13: le ragioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento