No Tav, chiesti 8 mesi per Erri De Luca. De Magistris: "Non si arresta il pensiero libero"

Il sindaco si schiera al fianco dello scrittore: "Non si processa la cultura". Roberto Saviano: "Le parole dei PM contro Erri De Luca oggi suonano inquisitoriali. E il silenzio degli scrittori è assordante"

Erri De Luca

"PM Torino: 8 mesi per Erri de Luca. Da PM sto con Erri e quindi con la giustizia. Non si processa la cultura, non si arresta il pensiero libero!". Interviene così, su twitter, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris sulla vicenda che riguarda Erri De Luca.

de magistris su de luca-2

Per lo scrittore partenopeo sotto processo, il PM di Torino ha chiesto 8 mesi di carcare per "istigazione al sabotaggio" della TAV. Secondo il Pubblico Ministero, De Luca avrebbe incitato a commettere il sabotaggio con le parole usate durante alcune interviste rilasciate alla stampa.

Intanto, in questi mesi, l'hashtag #iostoconerri si è diffuso in maniera virale tra i social. In tanti, come il primo cittadino napoletano, si sono schierati al fianco dello scrittore convinti che non si possa "processare la cultura, il libero pensiero". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda è intervenuto anche Roberto Saviano che su facebook ha scritto che "le parole dei PM contro Erri De Luca oggi suonano inquisitoriali". Lo scrittore si è poi rivolto ai suoi colleghi: "E il silenzio degli scrittori è assordante - ha scritto Saviano. Me l’aspettavo, del resto nell’aula di tribunale contro i boss Iovine e Bidognetti (e il loro avvocato) accanto a me non c’erano scrittori, non c’era quel residuo di mondo culturale che ancora galleggia. Come non ci sono dietro e accanto a Erri De Luca. Questo Paese di scrittori melliflui, pronti ad avere parole dure e acide per ricevere l’obolo di una rubrica, pronti a candidarsi a qualsiasi cosa per lo scranno che gli darà pensione, pronti a scannarsi per qualche copia. Si possono non condividere idee e prassi, ma bisogna sempre stare dalla parte di chi rischia scrivendo. Di chi assume sulla pagina, e nelle parole, posizioni che possono fargli smarrire serenità, equilibro, libertà, credibilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

Torna su
NapoliToday è in caricamento