Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza casa: "Diecimila famiglie saranno sfrattate dopo il Covid"

L'allarme lanciato da Cgil e Sindacato inquilini campani: "I redditi si sono abbassati, ma gli affitti no. In molti rischiano lo sfratto per morosità. Istituzioni assenti""

 

Diecimila sfratti per morosità solo in Campania. Potrebbe essere questo uno dei drammtici effetti dell'emergenza Coronavirus. Un dato che rappresenta molto più di un rischio potenziale, piuttosto una realtà che se la Regione non correrà ai ripari. A lanciare l'allarme la Cgil e il Sunia, Sindacato unitario nazionale inquilini e assegnatari. "La pandemia ha portato al calo del reddito diffuso - spiega Antonio Giordato, segretario regionale Sunia - ma i fitti non sono calati. Per questo motivo, nei prossimi mesi avremo diecimila sfratti per morosità. I fondi stanziati dalla Regione non sono sufficienti e hanno lasciato fuori migliaia di famiglie".

In Campania, l'edilizia popolare è abbandonata da oltre un ventennio: "Ci siamo opposti - prosegue Giordano - al Piano della Regione che su un investimento totale di 60 milioni per l'edilizia solidale, ne ha previsti solo 6 per quella sovvenziata, cioé riservata agli indigenti". 

Il Comune di Napoli vive anche una particolare piaga legata al sommerso: "Su 400mila immobili presenti, solo 80mila risultano registrati". Considerato il quadro quindi, la Cgil ha diramato una nota: "Riteniamo necessario incalzare ulteriormente il Governo, la Regione e i Comuni, affinché vengano approvati ulteriori provvedimenti e misure straordinarie. I provvedimenti sin qui adottati, ivi compreso lo stanziamento di 140 milioni di euro previsto nel DL 34/2020, pur rappresentando un segnale positivo per gli inquilini sono ancora insufficienti per una risposta positiva alla grave emergenza che si profila nel settore abitativo e che in Campania assume connotati drammatici. A fronte di circa 64.000 domande per il contributo all’affitto ex art. 11 della legge 431/98, beneficeranno solo il 20% dei richiedenti".

“Da tempo – aggiunge il segretario del Sunia - stiamo elaborando un piano per la casa. Lavoreremo insieme alla Cgil con la Regione Campania perché c’è bisogno di programmazione seria per dare una casa a chi ha redditi bassi e non ha possibilità di stare sul mercato”.

Sulla stessa lunghezza d'onda il segretario regionale della Cgil Nicola Ricci: “Il timore che ci sia un abbandono delle politiche di settore che guarda alle difficoltà delle famiglie che non possono accedere ai mutui o alla locazione delle case è concreto e reale. Chiediamo che la Regione Campania affronti questo tema prioritariamente con un grande progetto raccogliendo le nostre proposte”. 

Founded by *Journalism Emergency Relief Fund*

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento