Barelle, Cardarelli di nuovo in sofferenza: è "epidemia" di politraumi

Il problema non è un aumento degli infortuni, quanto la chiusura di altri pronto soccorso

Torna il problema barelle nei corridoi del Cardarelli. A quanto pare a monte questa volta, anziché un'epidemia influenzale, c'è l'eccessiva presenza di pazienti che arrivano con politraumi, procurati tra cadute, incidenti stradali e infortuni vari.

Non un aumento dei traumatizzati in genere, ma piuttosto un convergere verso il pronto soccorso del più grande ospedale del Sud perché la rimanente offerta lascia a desiderare: come riportato da Repubblica, i pronto soccorso di San Gennaro e Ascalesi sono chiusi, all'Ospedale del Mare non funziona ancora, quello del Loreto Mare va riducendosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Restano il San Giovanni Bosco e il Vecchio Pellegrini, il primo dei quali altrettanto sovraffollato. E quello del Cto, riaperto da poco, ma al momento incapace di attrarre quei pazienti per i quali l'ospedale sarebbe peraltro polo specializzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento