Disastro ambientale a Bagnoli: l'inchiesta dopo la denuncia di una donna malata di cancro

La morte nel 2011 pur non essendo un soggetto a rischio dal momento che non era fumatrice e non aveva familiari affetti da analoghe patologie. La vicenda è accennata nel decreto di sequestro dell'area emesso oggi dal collegio di gip

I sequestri © Tm NewsInfophoto

L'inchiesta sul disastro ambientale a Bagnoli è scaturita dalla denuncia da una donna che riteneva di essersi ammalata di tumore per aver vissuto fin dalla nascita nella zona di via Cavalleggeri d'Aosta, alla periferia ovest di Napoli, vicino all'area dell'ex Italsider.

La vicenda è accennata nel decreto di sequestro dell'area emesso oggi dal collegio di gip su richiesta dei pm che si occupano di reati ambientali e contro la pubblica amministrazione. La donna morì per un cancro ai polmoni nel 2011 pur non essendo - come evidenziano gli inquirenti - un soggetto a rischio dal momento che non era fumatrice e non aveva familiari affetti da analoghe patologie. (Ansa)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Scoperta la centrale del 'pezzotto', arresti in tutta Europa: c'erano 700mila clienti

  • Whirlpool, i lavoratori in corteo bloccano l'A3

  • Controlli tra le pizzerie in via Tribunali, occupazioni abusive per 700 metri quadri

  • Lutto nel mondo della medicina napoletana, muore improvvisamente Paolo Mercogliano

  • Sacchi: "Nella difesa del Napoli solo Di Lorenzo si muove in modo organico e sinergico"

Torna su
NapoliToday è in caricamento