Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica delle Palme, a Somma la benedizione è via social | VIDEO

L'iniziativa nella cittadina vesuviana

 

"Con la Domenica delle Palme inizia la Settimana Santa il Mistero di morte e Resurrezione di Gesù".

È iniziata così stamane la preghiera di Padre Giuseppe D’Agostino, parroco della Chiesa Santa Maria Maggiore Collegiata di Somma Vesuviana, che ha impartito la benedizione in diretta social dal cimitero di Somma Vesuviana, dove si trovava con il sindaco Salvatore Di Sarno e Don Nicola De Sena, parroco della Chiesa San Michele Arcangelo

"Oggi avrebbero tutti voluto portare una Palma ai propri cari e fare una preghiera per i prori cari - ha proseguito Padre D'Agostino - Dunque è a nome di tutti che abbiamo fatto una preghiera con benedizione al Cimitero. Nella visita al Cimitero luogo dei nostri fratelli e sorelle defunte abbiamo voluto rinnovare la Fede nel Cristo morto e risorto. Abbiamo rivolto una preghiera per tutti coloro i quali sono stati chiamati dal Signore in questo periodo di Pandemia e che non hanno potuto avere un regolare svolgimento delle esequie senza il saluto dei propri cari. Chi è stato fortunato ha avuto una benedizione a casa o al cimitero del proprio congiunto. Ed allora questa preghiera è stata per tutti ma in particolare per quei familiari che hanno perso un caro in questo periodo senza poterlo salutare al Cimitero”.

“Oggi preghiamo per tutti ma in particolare per coloro i quali hanno perso la vita in Italia e nel Mondo a causa del Coronavirus - sono state le parole invece del sindaco Salvatore Di Sarno - A Somma Vesuviana abbiamo 19 contagiati ma per fortuna nessun morto. Il nostro pensiero va anche ai 4 miliardi di persone in isolamento, metà del Pianeta, a tutte le popolazioni. Il nostro pensiero è per i medici, gli infermieri, per tutti coloro i quali stanno garantendo servizi anche ora. Il nostro pensiero è per tutte le famiglie che stanno vivendo l’emergenza sanitaria ed economica. Noi, rappresentanti dello Stato ci siamo e ci siamo non solo quando con onore indossiamo la Fascia Tricolore, ma ci siamo sempre. Somma Vesuviana il Venerdì Santo lo viveva con passione anche grazie alla processione millenaria con piu’ di 2000 confratelli in saio bianco, le Congreghe, il canto in latino. Era un evento sentito e per il quale venivano nella nostra città fedeli e cittadini da tante zone dell’Italia e non sono".

"Quest’anno la Processione che si svolse anche sotto le bombe della Seconda Guerra Mondiale - ha concluso il primo cittadino - non si svolgerà ma non escludiamo la possibilità che la Madonna con il Cristo Morto possa rivolgere uno sguardo al suo popolo”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento