Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Caos Circum, De Gregorio: "Per migliorare serviranno anni"

 

"Siamo consapevoli che il servizio è ancora scadente, dobbiamo chiedere scusa ai pendolari". Umberto De Gregorio, amministratore unico dell'Ente autonomo Volturno, non nasconde le difficoltà che sta vivendo la Circumvesuviana. Ritardi e soppressioni sono ormai la norma e anche guasti e incidenti sono all'ordine del giorno. "Stiamo facendo il possibile - si difende il dirigente - rispetto alla situazione che abbiamo trovato. Abbiamo rimesso le carte a posto e molti disagi sono figli delle gestioni passate. Lavoriamo in condizioni di difficoltà, con gli stessi treni di quattro anni fa". 

Per una parte dei lavoratori, mantenere i treni in orario è impossibile: "Già è un miracolo quando si riesce a completare la tratta - sostiene Gennaro Conte, vicesegretario nazionale del sindacato Orsa - Su tutte le linee contiamo circa 70 punti in cui siamo costretti a rallentare fino a 10-20 chilometri orari a causa di problemi strutturali. Servirebbero almeno 60 treni per garantire un servizio sufficiente, ma al mattino ne contiamo meno di 50". 

De Gregorio risponde all'attacco con gli investimenti messi in campo: "Abbiamo cantieri aperti per oltre un miliardo di euro, ci sono commesse per treni nuovi, mentre nei prossimi mesi metteremo a regime dodici treni revampizzati". L'attuale amministratore dell'Eav è molto vicino a Vincenzo De Luca, che tra un anno concorrerà per il suo secondo mandato da presidente della Regione Campania. Dodici mesi in cui sarà difficile vedere miglioramenti sensibili nel servizio: "Ci saranno piccoli miglioramenti, grazie al revamping, ma nessuna rivoluzione - ammette De Gregorio - E' un processo lungo che richiederà tempo. Intanto, però, posso annunciare che il 18 luglio presenteremo i primi 30 assunti, su un totale di 350 nuove unità lavorative che permetteranno all'Eav di crescere in futuro".

Intanto, il caso Circumvesuviana arriva in Consiglio regionale: "Vogliamo allestire una commissione d'inchiesta - afferma Armando Cesaro, capogruppo di Forza Italia - e attendiamo che De Luca e De Gregorio spieghino all'assemblea i motivi di un tale disastro. L'amministratore ha potuto contare anche su 700 milioni da parte dello Stato". Secca la risposta di De Gregorio: Ai pendolari chiederò sempre scusa, ma non rispondo a chi come Cesaro rappresenta la precedente amministrazione, la quale ha condotto l'Eav sull'orlo del fallimento". 

Potrebbe Interessarti

  • Tromba d'aria in spiaggia, panico tra i bagnanti: ci sono feriti|VIDEO

  • Temporale estivo su Napoli |VIDEO

  • Tromba d'aria in spiaggia, un testimone: "C'era il panico. Abbiamo visto una nuvola nera" |VIDEO

  • Ginevra, uccisa da suo padre: la disperazione della madre Agnese | VIDEO

Torna su
NapoliToday è in caricamento