Rotonda Diaz, intervento contro il degrado nei giardini

La Polizia Municipale ha richiesto l’intervento dell’ASIA che, con proprio personale e mezzi a disposizione, ha provveduto alla rimozione di tutto il materiale presente, al fine di restituire decoro e igiene ai giardini

L'intervento nei giardini della Rotonda Diaz

Nell’ambito delle attività di specifica competenza, l’Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali della Polizia Municipale di Napoli è intervenuta nei giardini della Rotonda Diaz in via Caracciolo, a seguito di numerose segnalazioni relative ad alcune circostanze che hanno generato uno stato di degrado nelle aiuole in zona.

Il personale ha constatato che tre uomini ed una donna avevano costruito alcuni giacigli per la notte con materiale di fortuna ed avevano ammassato una ingente quantità di varie masserizie nei giardini a ridosso del lungomare partenopeo.

La Polizia Municipale ha richiesto l’intervento dell’ASIA che, con proprio personale e mezzi a disposizione, ha provveduto alla rimozione di tutto il materiale presente, al fine di restituire decoro e igiene ai giardini.

Gli agenti hanno provveduto ad indirizzare tutti i soggetti presso le strutture di accoglienza presenti sul territorio cittadino.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Ogni quanto bisogna lavare le lenzuola e perché

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Il noto attore di Un Posto al Sole schiaffeggiato alla fermata del bus: il racconto

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

Torna su
NapoliToday è in caricamento