De Magistris sui fuochi illegali: “A Capodanno evitiamo la conta dei feriti”

L'invito del sindaco è quello di “godersi i fuochi autorizzati e bellissimi che saranno sparati sul lungomare”, dicendo “no ai botti pericolosi”

Capodanno

“Vorrei che la notte di Capodanno fosse una festa per tutti, evitiamo di contare i feriti”. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris è intervenuto a proposito della vendita di botti illegali in città, ogni anno a monte di ferimenti (se non addirittura di vittime) in quella che dovrebbe essere soltanto un'occasione per festeggiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Spero – ha aggiunto il sindaco, a margine della presentazione del Capodanno cittadino – che nelle prossime ore crescano una grande mobilitazione e il senso di responsabilità affinché non ci siano botti pericolosi, proibiti e illegali in città e in provincia”.
De Magistris ha invitato i napoletani a godersi i fuochi autorizzati e “bellissimi” che saranno sparati sul lungomare all'altezza di Castel dell'Ovo: “Spendiamo i soldi – ha concluso – per rimettere in moto il commercio sano della nostra città e diciamo no a botti pericolosi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento