Il questore De Iesu: "Negli occhi dell'accoltellatore di Arturo c'era tenerezza"

Intervenuto a una manifestazione in memoria di Attilio Romano, vittima innocente di camorra, De Iesu ha detto che "viste le fotografie dell'accoltellatore a un anno, si nota la stessa tenerezza che c'era in tutti i bambini"

"Gli occhi dell'accoltellatore di Arturo a un anno avevano la stessa tenerezza di mio figlio". Lo ha detto il questore di Napoli Antonio De Iesu, intervenuto all'iniziativa "Giornata del dialogo sulla legalita'", in nome di Attilio Romano, vittima innocente di camorr. "Cosa accade nelle vite di quei bambini quando crescono? C'è un vuoto, qualcosa che non va nelle famiglie, nel contesto in cui vivono", afferma il questore. "E a questo punto le sanzioni non bastano, non si può pensare di risolvere la situazione privando della libertà un ragazzino". 

Potrebbe interessarti

  • Le tignole: cosa sono e perché è meglio non averle in casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Riapre la piscina della Mostra d'Oltremare dopo 3 anni

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

I più letti della settimana

  • Dramma per una famiglia napoletana in vacanza: 42enne muore mentre fa il bagno

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Tragedia a Scalea, muore turista napoletano: "Te ne sei andato troppo presto"

  • Dramma in autostrada, motociclista muore decapitato

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

  • Si è spenta l'attrice Ilaria Occhini: da 50 anni era la moglie di La Capria

Torna su
NapoliToday è in caricamento