"La Cumana non c'è più": lavoratori e utenti in presidio all'Eav

Esasperati i pendolari: "Ci viene negato il diritto alla mobilità e con esso anche il diritto alla studio e al lavoro perché è impossibile spostarsi". Lavoratori: "La futura liberalizzazione ci sembra una vera privatizzazione"

Presidio all'EAV

Lavoratori e utenti Eav in presidio, in mattinata, davanti alla sede dell'ente in via Cisterna dell'Olio, nel cuore di Napoli.

Un presidio di pochi attivisti, promosso da Freebacoli, ma rappresentativi dell'esasperazione dell'utenza e dei lavoratori del trasporto pubblico locale, in particolare di Cumana e Circumvesuviana.

"Ci viene negato il diritto alla mobilità - spiegano i promotori della mobilitazione - e con esso ci negano anche il diritto alla studio e al lavoro, perché da certi comuni della provincia e da certi quartieri cittadini è diventato quasi impossibile spostarsi per raggiungere i luoghi di studio e lavoro".
In pochi giorni infatti, gli utenti della Cumana hanno ricevuto due brutte batoste: la prima riguarda la frequenza delle corse (non più una corsa ogni 20 minuti, ma una ogni 40) e la seconda l'abolizione del capolinea di Torregaveta. Il tutto è da aggiungersi a mesi e mesi di estremi disagi e tagli che già rendevano molto complessa la mobilità per i cittadini.

"Siamo allo stremo, adesso vogliamo risposte, vogliamo vedere i documenti, i bilanci, vogliamo sapere cosa succede" dicono i promotori del presidio, che ribadiscono di essere manifestanti pacifici che chiedono solo un incontro con i vertici dell'ente e con quelli della Regione, per avere finalmente spiegazioni  e risposte concrete su quanto sta accadendo alla Cumana.

In piazza ci sono anche i lavoratori (sia della Cumana che della Vesuviana). La preoccupazione è forte per tutti e riguarda anche la paventata "liberalizzazione". "Ci sembra che non si tratti affatto di una liberalizzazione - ci spiega un lavoratore della Circumvesuviana - ma di una vera e propria privatizzazione di una fetta dell'azienda perché il privato che arriverà non dovrà portare treni nuovi, come è accaduto con ItaloTreno e Trenitalia, ma potrà avere in gestione le macchine Eav". Dubbi anche su quale azienda avrà accesso a questa fetta di azienda: "Quale imprenditore in Campania ha così tanti soldi?" si chiedono ancora i dipendenti, spaventati dalla possibilità di qualche poco trasparente e pericolosa infiltrazione.

E ancora dubbi sui fondi: "Le risorse non arriveranno - ci dicono i lavoratori - prima di 6-9 mesi. Il tempo necessario a far partire la cosiddetta "liberalizzazione", insomma quando i treni sono pubblici i fondi non arrivano, ma arrivano poi quando diventano in parte privati?".

Questi i dubbi e le domande che lavoratori e utenti vorrebbero rivolgere ai vertici di ente e Regione, che, a quanto pare, hanno, a fine mattinata, promesso un incontro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

Torna su
NapoliToday è in caricamento