Crollo nella scuola a Sant'Anastasia: la procura sequestra l'area

Partite le indagini della procura di Nola. Al momento non c'è traccia di autorizzazioni per il muro crollato

Sotto sequestro, per disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Nola, Francescapaola Colonna Romano, due aule al primo piano del plesso scolastico di corso Umberto I a Sant'Anastasia dove, verso le 12, è crollato un pezzo di parete divisoria in siforex. Crollo che ha provocato molta paura tra le insegnanti ed i bambini delle due aule coinvolte. Sul posto, oltre il magistrato Colonna Romano, i carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna, i vigili del fuoco, il sindaco Lello Abete, la dirigente scolastica Maria Capone e il responsabile dei lavori pubblici, Michele Pone.   

L'indagine 

La parete in siforex crollata per motivi da stabilire, si legge in una nota dell'amministrazione cittadina, "si presentava, ma va accertato, come aggiunta tra gli stipiti di un vano preesistente, allo scopo evidente di dividere il locale in due aule. Saranno le indagini in corso a chiarire meglio le dinamiche, il perché ha ceduto ed eventuali responsabilità. I carabinieri, infatti, hanno acquisito anche gli atti in possesso del Comune e le piantine relative ai piani di evacuazione esposti nella scuola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nessuna autorizzazione

Dalle prime informazioni assunte, spiega la nota, sembrerebbe che presso l'ente, ad oggi, non è stata trovata alcuna determinazione che si ricolleghi alla messa in opera della parete".   "Attendiamo l'esito delle indagini e, senz'altro, apriremo un'indagine interna - dice il sindaco Lello Abete - ma la cosa piu` importante in questo momento è che i bambini e l'insegnante stanno bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento