Scavi Pompei, ancora un crollo: giù il muro di una domus

La Soprintendenza ha transennato la zona del Regio v insula, il vicoletto che porta alla casa di Marco Lucrezio Frontone al fianco della quale vi è stato l'ultimo di una lunga serie di danni causati probabilmente dalle piogge

Pompei

Sempre più off limits per i turisti. Nuovo crollo a Pompei: ad andare giù, il muro di una domus affrescato di rosso pompeiano. La Soprintendenza ha transennato la zona del Regio v insula, il vicoletto che porta alla famosa casa di Marco Lucrezio Frontone al fianco della quale vi è stato l'ultimo di una lunga serie di danni causati probabilmente dalle piogge.

La zona adiacente a questa area, quella di Porta Nola, rientra nel piano restauri annunciato dal governo. La domus interessata al crollo non è di particolare pregio anche se tutta l'area è studiata da una equipe di archeologi nipponici, mentre la più nota casa di Frontone era aperta al pubblico solo due giorni la settimana, giovedì e martedì.

"Stiamo lavorando per la messa in sicurezza anche in questa zona", ha fatto sapere la soprintendente archeologa di Napoli e Pompei, Teresa Elena Cinquantaquattro che ha redatto un'informativa sul cedimento. Una relazione, inoltre, è stata inviata ai carabinieri. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel calcio a 5 napoletano, si è spento l'ex portiere della Nazionale Antonio Capuozzo

  • Madre e figlia dormono in auto, l'appello: "Non hanno più soldi. Sono da mesi in queste condizioni"

  • Scontro treni Metro Linea 1, feriti trasportati in ospedale

  • Lutto a Pianura: si è spento il poliziotto Gaetano Senarcia

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

  • Le imprese cercano 31mila dipendenti in provincia di Napoli, ma non riescono a trovarli

Torna su
NapoliToday è in caricamento