La storia dei crolli a Palazzo San Giacomo: è allarme

Al terzo piano è crollata una parte del contro-soffitto. Ad agosto cedette un lampadario nell'androne centrale. Nel fine settimana è stata recintata una statua storica. La storia dei crolli

Ancora un crollo nella sede del Comune di Napoli. A Palazzo San Giacomo è crollato una parte del contro-soffitto al terzo piano. È stato necessario interdire il ballatoio e l'area è stata transennata. L'area era già stata ritenuta a rischio dopo un'ispezione di agosto. Ad effettuarla furono i periti del Comune e di NapoliServizi a seguito del primo crollo all'interno del palazzo storico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In quell'occasione cedette il lampadario dell'androne centrale non colpendo nessuno dei presenti per miracolo. Un altro intervento è stato realizzato nel fine settimana. Ad essere transennata è stata la statua di Rogerius presente sempre nell'androne principale. Adesso l'ultimo crollo in ordine di tempo che mette in serio allarme l'amministrazione per le condizioni generali del palazzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

Torna su
NapoliToday è in caricamento