Crack Deiulemar, gli obbligazionisti si affidano a San Vincenzo Romano per recuperare il loro denaro

Si sono oggi riuniti in preghiera nella basilica di Santa Croce. Giovedì prossimo l'udienza conclusiva del processo sul crack

Una preghiera, nella speranza che ci sia giustizia e si recuperino i soldi persi ormai sette anni fa. È quella fatta oggi da una delegazione di obbligazionisti della Deiulemar, la compagnia di navigazione di Torre del Greco fallita nel 2012. Un crack che coinvolse le quasi 13mila persone che avevano investito un totale di oltre 720 milioni di euro.

Gli obbligazionisti si sono incontrati nella basilica di Santa Croce dal parroco don Giosuè Lombardo. Hanno chiesto ''l'intercessione'' di San Vincenzo Romano, parroco della chiesa torrese reso santo da Papa Francesco.

Don Giosuè ha incontrato alcuni dei presenti, consegnando loro alcune effigi di San Vincenzo Romano. Giovedì prossimo, in Cassazione a Roma, è in programma l'udienza conclusiva del processo sul crack.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

  • "I love Ztl", pagina social per il "Lungomare Liberato" di Castellammare

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Ischia, sessantenne del Rione Sanità spende 50 euro falsi: denunciato

Torna su
NapoliToday è in caricamento