Pozzuoli, operazione della Municipale contro la vendita abusiva di cozze

Alcune bancarelle adibite al commercio dei mitili, in precarie e preoccupanti condizioni igienico-sanitarie, sono state sequestrate nelle zone di Monterusciello, Rione Toiano e in altri luoghi della città flegrea

La polizia municipale di Pozzuoli, su disposizione dell'amministrazione comunale, ha intrapreso un'attività di controllo del territorio contro la vendita abusiva di cozze.

Alcune bancarelle adibite al commercio dei mitili, in precarie e preoccupanti condizioni igienico-sanitarie, sono state sequestrate nelle zone di Monterusciello, Rione Toiano e in altri luoghi della città flegrea.

"Il consumo delle cozze fa parte della tradizione culinaria della nostra regione e va favorita - dichiara l'assessore all'Ambiente del Comune di Pozzuoli Fiorella Zabatta - . È però importante che avvenga in sicurezza e sia garantita dalla tracciabilità del prodotto tramite l'etichetta che ne riporta tutto l'iter. Sono ampiamente favorevole agli allevamenti autorizzati di mitili e ritengo che solo da questi ultimi possono essere prelevate le cozze che arrivano nelle nostre case. Dobbiamo puntare ad una mitilicoltura autorizzata e di qualità che dia garanzia del prodotto, dalla pesca fino alla vendita al consumatore".

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

  • Dramma in vacanza a Mykonos, muore napoletano di 22 anni

Torna su
NapoliToday è in caricamento