Coronavirus, i due turisti cinesi positivi non sono stati a Sorrento

La comitiva di turisti è stata accompagnata a scopo precauzionale allo Spallanzani di Roma per effettuare i test

"Da diverse ore circola la notizia che i due cittadini di nazionalità cinese, ricoverati allo Spallanzani di Roma, avrebbero fatto tappa nei giorni scorsi a Sorrento. Messi in atto i controlli di rito, ed avviati tutti i contatti istituzionali con le autorità sanitarie e di polizia, ci è giunta rassicurazione sull'assoluta infondatezza della circostanza".

Così il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo ha voluto smentire categoricamente l'ipotesi che i due turisti cinesi - marito e moglie, provenienti dalla provincia di Wuhan sui quali i medici, hanno rilevato il contagio da coronavirus, primo caso in Italia - siano mai transitati nella cittadina costiera.

Nave ferma in porto

Ci sono anche due famiglie di Capri sulla nave da crociera ferma nel porto di Civitavecchia, per un possibile caso di Coronavirus tra i passeggeri della Costa Smeralda.Sono però negativi, e quindi rassicuranti, come riporta RomaToday, i primi esami effettuati allo Spallanzani di Roma sulla 54enne di Hong Kong e sul marito, in isolamento sulla nave da quando la donna aveva accusato febbre e  problemi respiratori. Circa 7mila le persone a bordo. Si attende l’autorizzazione allo sbarco per 1.143 passeggeri, che avverrà solo una volta che saranno completati tutti gli accertamenti.

Coronavirus Napoli: tutte le notizie

Controlli in città

Il turista cinese di 28 anni, originario della provincia di Hubei, che comprende Wuhan (epicentro dell'epidemia), in vacanza a Napoli, è risultato negativo ai controlli effettuati allo Spallanzani. Stessa sorte per la giovane moglie del 28enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento