Coronavirus, nuovo appello dei medici di base sulle ricette e sui tamponi in ritardo

"Situazione critica a Napoli", denunciano due medici di medicina generale della Municipalità I a NapoliToday

Tamponi con diversi giorni di ritardo e malati in fila per ore al triage. E' questa la situazione a Napoli in piena emergenza Coronavirus. Ci sono arrivate segnalazioni da parte di medici di base della Municipalità 1 diversi ritardi tra le segnalazioni di casi sospetti e gli effettivi tamponi che possano dimostrare o meno la positività dei pazienti: "Se oggi ci rallegriamo per le cifre ancora basse dell’emergenza locale, o cominciamo a preoccuparcene, lo facciamo ignorando che nel frattempo la situazione potrebbe essere già cambiata notevolmente. Uno strambo effetto tuono: vediamo il fulmine in lontananza, ma la botta arriva poi. Il ritardo è dovuto ad un ingolfamento dei laboratori di cui la popolazione non ha – non ancora, almeno – percezione. In molti quartieri la gente è in strada e continua a fare la stessa vita promiscua di prima, magari con una mascherina sul volto per mettersi l’anima in pace. Contando sul fatto che la crisi è ancora lontana, “sta al nord”, qui no, non ancora. Quando invece la risposta sanitaria della Campania ha già cominciato a incepparsi, ancora prima dei tanto preannunciati “picchi”. I tamponi da esaminare arrivano nei centri abilitati ad effettuare i test – il Cotugno su tutti, ma non solo – in tre modi: dagli altri ospedali che hanno casi di probabile infezione (che in teoria dovrebbe avere la precedenza), anche tra gli stessi operatori sanitari; tramite il 118; per via diretta, con il cittadino che avverte i sintomi e si reca al Cotugno per farsi visitare ed eventualmente farsi esaminare. Oltre a questo oceano di test che si abbatte a ondate sempre crescenti ogni giorno, vanno sommati i test che vanno ripetuti sugli stessi soggetti, anche se negativi: i tamponi di controllo, che per gli asintomatici che hanno avuto contatti con un positivo vanno ripetuti a 14 giorni, e che per i sintomatici vanno rifatti dopo 48 ore. La mole, di cui al di fuori degli ospedali si ha poca contezza, è enorme. Sono centinaia, ogni giorno. Ormai i tempi di attesa anche per il personale medico a rischio contagio sono superiori alle 48 ore. E per disposizioni della stessa Regione Campania, i medici e gli infermieri in attesa del referto devono continuare a lavorare, spesso con dispositivi non idonei di protezione. Un piccolo capitolo a parte – ma esemplificativo della tenuta del sistema in condizioni ritenute ancora sostenibili – è quello relativo al 118. In teoria la trafila per l’ammalato che pensa di avere sintomi da Covid-19 prevede un consulto col medico di base, il quale avverte l’Asl che deve poi predisporre l’invio di un’ambulanza presso il paziente per sottoporlo al tampone, e trasportare poi il test al Cotugno. In pratica, il numero dei tamponi pervenuti in laboratori in questo modo è risibile. Semplicemente perché non ci sono ambulanze a sufficienza, e attrezzate per poter fare il test in sicurezza e trasportarlo al laboratorio. Quindi, semplicemente, non si fa. L’ammalato è costretto ad andare con mezzi propri al Cotugno e a mettersi in fila per il triage, con code che arrivano anche a due o tre ore. Attese che molti affrontano con la febbre alta, in condizioni che mettono a rischio contagio se stessi e gli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ricette

La dematerializzazione delle ricette ha indubbiamente ridotto le visite ambulatoriali negli studi dei medici di base, ma non basta. "Finalmente per le ricette con farmaci con piano terapeutico è possibile procedere online, ma ancora c'è un problema relativo all'ossigeno e ai farmaci per la terapia del dolore dei neoplastici che devono per forza ancora ritirare materialmente la ricetta. Bisogna dematerializzare anche questi casi o sarà tutto vano", denuncia un altro medico di base del quartiere San Ferdinando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

  • "Questo assegno è coperto?": ma l'operatore di banca non sa che parla con il truffatore

Torna su
NapoliToday è in caricamento