Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid 19, quattro estubati grazie al Tocilizumab: "Obiettivo è ridurre i casi in terapia intensiva"

Parla il direttore generale dell'Ospedale dei Colli, Maurizio Di Mauro, che con il Pascale guida la sperimentazione del farmaco anti reumatoide: "Buona notizia, ma servono dati su più pazienti"

 

Una buona notizia, attesa da giorni, ma che non deve far pensare a voli pindarici. L'utilizzo del Tocilizumab ha permesso ai medici dell'Ospedale Cotugno di estubare quattro pazienti affetti da Covid 19. Nelle prossime ore, grazie al farmaco auti-reumatoide, potranno uscire dalla terapia intensiva ed essere sistemati in reparto: "E' sicuramente una buona notizia - afferma Maurizio di Mauro, direttore generale dell'Azienda ospedaliera dei Colli (Cotugno, Monaldi e Cto) - ma serve cautela. Al momento, abbiamo testato il farmaco su una ventina di pazienti e una decina ha avuto miglioramenti rapidi. E' necessario, però, avere dati su un numero maggiore di casi". 

Ed è per questo che l'Aifa, l'agenzia del farmaco, ha varato un protocollo di sperimentazione per testare su 330 pazienti la bontà dell'intuizione napoletana. L'Istituto Pascale e l'Ospedale dei Colli sono capofila: "E' molto importante ridurre i casi in terapia intensiva - prosegue Di Mauro - perché questo ci consentirebbe di gestire meglio l'emergenza. La Campania ha raddoppiato i posti in terapia intensiva. Al momento, il Cotugno è tutto riconvertito per la battaglia al Covid. Sia questi posti che quelli del Monaldi sono occupati. A breve aggiungeremo quelli del Cto". 

A breve, potrebbero arrivare buone notizie anche per il personale ospedaliero, perché la Regione ha annunciato l'arrivo di un'altra partita di dispositivi di protezione individuale: mascherine, occhiali e tute. Il contagio di medici e infermieri è una delle criticità che la Campania, così come le altre regioni italiane, stanno affrontando: "I nostri medici devono operare in sicurezza e stiamo lavorando per questo. Lo stanno dando l'anima, anche oltre il loro dovere". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento