Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid-19, un medico del Maresca: "Non preparati per questa emergenza"

Antonio Braucci è un chirurgo e lavora al pronto soccorso: "Mancano posti letto, personale e attrezzature. Se arrivano più pazienti gravi dobbiamo scegliere su chi concentrare i nostri sforzi"

 

"Gli infettivologi e i rianimatori sanno come comportarsi. Ma noi, gli altri medici, non siamo abituati ai respiratori o a intubare i pazienti. Avrebbero dovuto formarci, invece ci hanno lanciato in prima linea". Antonio Braucci è un chirurgo e lavora ne pronto soccorso dell'Ospedale Maresca di Torre del Greco. 

Il Maresca non è un'unità Covid, ma qui arrivano i pazienti sospetti e restano in reparto finché non viene chiarito se sono contagiato o meno. "Di fatto, il pronto soccorso è diventano un reparto. I percorsi dei pazienti 'normali' e dei sospetti Covid sono separati. Non vale lo stesso per il personale sanitario. Abbiamo pochi dispositivi di protezione e chi entra nel reparto dei sospetti contagiati non può più uscire fino a fine turno per non sprecare mascherine". 

Come in molte altre strutture, anche nel nosocomio di Torre del Greco manca il personale: "Ieri ho lavorato con soli tre infermieri per triage, pronto soccorso e reparto Covid. Finché arrivano i codici verdi non ci sono problemi, ma se arrivano più codici rossi contemporaneamente dobbiamo scegliere su chi concentrare gli sforzi. Questa emergenza sta mettendo a nudo tutti i danni causati da dieci anni di tagli: non ci sono posti letto, mancano le attrezzature e il personale è sempre poco. Avrebbero dovuto formarci con un team di esperti e invece ci hanno solo mandato in frontiera". 

L'animo di chi inizia il turno è sempre cupo: "Sappiamo già che sarà una battaglia - prosegue Braucci - che non saremo in grado di fare tutto il necessario perché ci mancano le armi e le forze. Chi si trova nelle alte sfere questo dovrebbe capirlo. Ho chiesto a un dirigente, che ci teneva molto a rispettare le distanze di sicurezza, se con le mascherine inadeguate che ci danno, senza neanche la visiera, si avvicinerebbe a un paziente sospetto Covid. Io lo faccio ogni giorno, ma dal dirigente non ho avuto risposta". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento