Coronavirus, la Regione Campania: "Niente allarmismi". Istituita task force

La Regione Campania: "Tre persone ricoverate finora, due non sono contagiate, per una terza si aspettano risultati da Roma. Invitiamo la cittadinanza a incrementare vaccinazioni"

(foto di repertorio)

E' stato inviato a Roma, all'Istituto Spallanzani, il tampone effettuato sul cittadino cinese di 28 anni, proveniente dalla provincia di Hubei, in cui è compresa Wuhan (città epicentro del Coronavirus), presentatosi al Pellegrini con sintomi sospetti e poi trasferito al Cotugno, ospedale specializzato in malattie infettive. Non è escluso il 28enne possa essere arrivato in Italia con il volo Wuhan-Fiumicino della scorsa settimana. 

Il campione prelevato oggi è stato inviato a Roma dove sarà analizzato allo Spallanzani, Istituto nazionale per le malattie infettive, come da protocollo ministeriale, visto che la provenienza del paziente e i sintomi accusati hanno fatto scattare automaticamente la procedura d'emergenza. Domani dovrebbero esserci i risultati. 

Secondo alcune fonti il turista cinese alloggiava in un bed & breakfast nel centro storico. A Napoli ha cominciato ad accusare il malessere. Ricoveratosi al Pellegrini, è stato poi trasferito al Cotugno con un'ambulanza che sarà poi bonificata. Con l'uomo c'è la moglie, che ha sintomi lievi e sta accanto al marito. A quanto pare i due sono  in viaggio di nozze a Napoli. 

Coronavirus, caso sospetto a Napoli

Si è intanto svolta a Palazzo Santa Lucia, una riunione con tutti i direttori generali delle Asl e delle Aziende ospedaliere della Campania in stretto raccordo con il Ministero della Salute. Dalla riunione, convocata dal Presidente Vincenzo De Luca è emersa la necessità di invitare i nostri concittadini ad evitare allarmismi e ad attenersi alle sole informazioni che saranno fornite dal livello regionale con continuità, per evitare la diffusione di notizie prive di fondamento.

Dalla riunione è emersa innanzitutto una prima necessità: evitare di confondere ogni sintomo con la presenza conclamata del coronavirus. La fotografia della situazione in Campania ad oggi è la seguente, spiegano dalla Regione: delle tre persone ricoverate al Cotugno, due non risultano contagiate; per la terza vi è un accertamento in corso che si concluderà nella giornata di domani. Si chiarisce che la presenza del virus richiede tutta una serie di condizioni, tra cui la provenienza dall'area cinese interessata a cui si uniscono sintomi gravi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per dare serenità ai nostri concittadini, si comunica che è stata costituita una task force coordinata dal Cotugno, che rimane l'ospedale di riferimento per casi rilevanti e non banali. In ogni Asl e negli ospedali sono attive strutture in grado di verificare le condizioni reali del paziente. Si invita la popolazione a incrementare le vaccinazioni antinfluenzali soprattutto in questo periodo in cui si rischia di determinare un allarme ingiustificato con affluenza immotivata e inutile nei Pronto Soccorso. Ogni informazione sarà canalizzata a livello regionale e si invitano i cittadini ad attenersi a queste sole informazioni, d'intesa e in stretta collaborazione con il Ministero della Salute", si legge nella nota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento