Incidente a San Gennaro Vesuviano, due 17enni ancora gravi

Rimasti feriti nell'incidente avvenuto l'altra notte sulla provinciale per Nola, sono ricoverati al Cardarelli in prognosi riservata

Ospedale Cardarelli

Le loro condizioni restano gravi, ma stazionarie. Lottano ancora tra la vita e la morte i due 17enni di San Gennaro Vesuviano rimasti feriti nell'incidente avvenuto, l'altra notte, sulla strada provinciale per Nola.

IL QUADRO CLINICO - Sono ricoverati in prognosi riservata al Cardarelli. Uno ha riportato un'emorragia cerebrale tenuta sotto controllo dai medici, l'altro lesioni agli organi interni.

L'INCIDENTE - L'incidente in cui sono rimasti gravemente feriti ha coinvolto anche altre tre persone. Erano tutti a bordo di una Ford Fiesta guidata da una 19enne, finita contro un muro. Per la ragazza ferite lievi, mentre gli altri due occupanti – entrambi di 20 anni – sono rimasti illesi. La conducente è stata sottoposta a test tossicologici dei quali non si conoscono ancora i risultati.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cultura

      Nino D'Angelo 6.0, al San Paolo è un trionfo

    • Cronaca

      L'Onda Pride travolge Napoli: "Giù i muri del pregiudizio e dell'omofobia"

    • Cronaca

      Chalet Ciro a Mergellina, la protesta dei camerieri: "Senza tavolini ci licenziano"

    • Incidenti stradali

      Muore a 24 anni in un incidente stradale: la vittima è una studentessa dell'Orientale

    I più letti della settimana

    • Sesso in pubblico, nuovo scandalo dopo quello di piazza San Domenico

    • Ciro a Mergellina, dal Comune stop a tavolini e ombrelloni

    • Ucciso e seppellito in un terreno, arrestate tre persone per l'omicidio di Vincenzo Amendola

    • Dramma in via Napoli: trovato il cadavere di una donna incinta all'ottavo mese

    • Sesso orale in Piazza San Domenico, fermata la protagonista del video

    • Rosa, quando il 28enne pakistano disse alla madre: "Un giorno mi prenderò tua figlia"

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento