Traffico di droga verso la Spagna: condannati i narcos torresi

Confermate pene per un totale di trent'anni di carcere. Sbagliato il calcolo per Francesco Tamarisco. La sua condanna verrà ridotta di un anno

Diventano definitive le condanne per cinque narcos di Torre Annunziata accusati di traffico internazionale di stupefacenti. La Corte di Cassazione ha confermato le pene inflitte dalla Corte d'Appello di Napoli nel 2016 ai danni dei narcos ritenuti responsabili del traffico di droga tra la Spagna e l'Italia ed in particolare il vesuviano. Ottiene un piccolo sconto di pena Francesco Tamarisco, dell'omonima famiglia di narcotrafficanti, che ha visto ridurre la sua pena da nove ad otto anni.

Formalmente sarà un'altra sezione della corte napoletana ad emettere la condanna ma il procuratore generale della Suprema Corte ha segnalato un errore nel calcolo della pena confermando però la sua responsabilità e chiedendo che anche i giudici napoletani facciano lo stesso. In totale la Cassazione ha confermato pene totali per trenta anni di reclusione per i cinque imputati che hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Napoli, caso sospetto al Pellegrini: ricoverato cittadino cinese

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Coronavirus cinese: le istruzioni del Ministero della Salute

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Allarme coronavirus, Verdoliva: "Dovesse arrivare qui lo affronteremmo"

Torna su
NapoliToday è in caricamento