Diffuse su WhatsApp foto di nudo della compagna di liceo: condannato 24enne

Per lui un anno di reclusione con pena sospesa, duemila euro di multa e risarcimento dei danni. Tutta la vicenda

Un anno di reclusione con pena sospesa. È la pena inflitta ad un ragazzo di 24 anni, condannato in primo grado per aver diffuso attraverso WhatsApp le foto senza veli che una sua compagna di scuola le aveva inviato.

La ragazza aveva all'epoca – nel 2014 – 15 anni, e lui era appena maggiorenne. I due frequentavano lo stesso liceo a Nola. Fu il ragazzo, come riportato dal Mattino, a chiedere all'amica di mandargli delle foto di nudo. Lei acconsentì. Alcuni mesi dopo, però, una cugina della ragazza che frequentava lo stesso istituto trovò quelle foto in alcuni gruppi WhatsApp della scuola, ed avvertì la vittima della vicenda.

Prima la 15enne si chiuse nel silenzio vergognandosi di quanto accaduto, poi raccontò tutto ai genitori che presentarono denuncia alla polizia di Nola. La tesi della difesa era che non ci fosse alcuna prova che proprio il ragazzo avesse diffuso quelle foto, una ricostruzione però non accettata dal giudice.

L'imputato dovrà pagare una multa di 2mila euro, oltre che risarcire la ragazza dei danni subiti.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento