Chiaia, clochard sgomberato: gli agenti distruggono la sua baracca sotto il ponte

L'uomo, 49 anni, viveva sotto il ponte in via Andrea D'Isernia. Gli agenti lo hanno affidato alle strutture di accoglienza in città

Il personale della Polizia Municipale Unità Operativa Tutela Emergenze Sociali è intervenuto nelle prime ore del mattino sotto il ponte di Via Andrea d’Isernia diventato da qualche anno un luogo di ricovero permanente per un senza fissa dimora. L’intervento si è reso necessario per le precarie condizioni del luogo. Si è dovuto procedere al ripristino del decoro urbano e della condizioni igienico sanitarie del luogo adiacente  ad abitazioni private e a due istituti scolastici.

È stata abbattuta una baracca costruita con pannelli di legno e cartone  e bonificata l’intera area. Si è inoltre provveduto a richiedere la messa in sicurezza di un pozzetto della rete fognaria urbana, attualmente privo di copertura, che veniva utilizzato dal soggetto per i propri bisogni fisiologici.
Le UU. OO. Tutela Emergenze Sociali e Chiaia continueranno a monitorare il sito nei prossimi giorni per scongiurare una nuova illegittima occupazione. Le operazioni sono iniziate nelle prime ore del mattino quando gli agenti hanno riscontrato la presenza del clochard, un uomo di 49 anni, che è stato indirizzato alle strutture di accoglienza e assistenza offerte dall’Amministrazione Comunale sul territorio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Nela e la battaglia contro il cancro: "Quando arriva non ti lascia più. Ho pensato al suicidio"

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento