Incendiata l'auto di Clementino: lo sfogo su Facebook del rapper

"Di notte fuori casa mia a Faibano mi hanno bruciato l'auto", scrive in un post il rapper campano

Clementino

L'automobile del rapper Clementino è stata incendiata da ignoti. Sul raid avvenuto in una frazione di Camposano (Faibano), in provincia di Napoli, indagano i carabinieri di Nola

A raccontarlo su Facebook è lo stesso rapper che ha scritto in un post (poi rimosso) alcune frasi inequivocabili:

"Visto il lavoro che faccio non sono abituato a stare zitto piuttosto mi faccio ammazzare. L'altro ieri notte fuori casa mia a Faibano mi hanno bruciato l'auto. Mi chiedo perché: forse non ho fatto qualche collaborazione musicale a qualcuno?? Può essere. Forse perché nella mia regione tutti mi vogliono bene? La mia unica colpa è quella di essere forse troppo disponibile con tutti forse la mia colpa è quella di appartenere ad una famiglia di brava gente. Boh. Questo è il ringraziamento per aver sempre cantato in nome del mio popolo, per aver rappresentato il disagio della mia città attraverso la musica (e anche tra qualche giorno a Sanremo)". 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Comune di Napoli, approvato il Rendiconto 2016 in Consiglio

    • Cronaca

      Tragedia sui binari: muore travolto da un treno della metropolitana

    • Cronaca

      Sesso tra minorenni, il video finisce in rete: cinque indagati

    • Cronaca

      Padre e figlio uccisi in tabaccheria: è vendetta di camorra

    I più letti della settimana

    • Scuole, in Campania si torna sui banchi il 14 settembre

    • Addio "all'innovatore" della Regione Campania: Pierino Russo non c'è più

    • Omicidio ad Afragola: si segue la pista dell'agguato camorristico

    • Agguato in una tabaccheria: uccisi padre e figlio

    • Ambulanza bloccata dalle auto parcheggiate: "Si muore per colpa degli incivili"

    • Agguato ad Afragola, uomo ucciso nella sua auto

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento