Ciro, il 14enne orfano eroe di Scampia: è gara di solidarietà per aiutarlo

La sua storia è venuta alla ribalta dopo che, in occasione del suo onomastico, il cugino ne ha postato sui social una foto mentre era al lavoro vendendo pomodori in un angolo di strada

È diventato in pochi giorni il simbolo della Scampia che resiste. Tre cassette di pomodori ed una foto sui social network sono bastati a dare notorietà a Ciro. Quattordici anni, è stato ritratto da un cugino mentre vendeva pomodori a un angolo di strada nel quartiere alla periferia della città.

Orfano di padre, è già gara di solidarietà per aiutare il ragazzo.

“La cosa stupenda di questa foto – ha scritto il suo autore, il cugino di Ciro – è che è questo ragazzino di nome Ciro non molla, non ha mollato tre anni fa alla morte del padre e continuerà a non mollare. Ciro è di Scampia, è mio cugino e credimi, sono fierissimo di te, come lo sarà sicuramente il tuo grande papà che oggi avrebbe festeggiato il suo onomastico. Quindi zio a te che sei lassù ecco Ciro tuo figlio, un piccolo ragazzino ma un grande uomo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A Napoli calano i reati del 7%. Ridotti di un terzo gli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza

  • Incidenti stradali

    Drammatico impatto di ritorno dal matrimonio, feriti quattro giovani

  • Cronaca

    Ucciso per errore dai killer, arresti per l'omicidio di Giovanni Galluccio

  • Attualità

    BBC World News nella redazione di NapoliToday: focus su criminalità e politica

I più letti della settimana

  • Tina Colombo non è più incinta: "Purtroppo ho perso il bambino"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 20 al 24 maggio

  • Si lancia dal ponte della tangenziale e muore a piazza Ottocalli

  • Piogge e temporali su Napoli e Campania: scatta l'allerta meteo della Protezione Civile

  • Incidente stradale in via Diocleziano: un morto e tre feriti

  • Sparatoria a piazza Nazionale, Salvatore Nurcaro sta meglio: vicina la dimissione

Torna su
NapoliToday è in caricamento