Tragedia Circumvesuviana con 2 morti e 58 feriti: tre anni al macchinista

Giancarlo Naso, alla guida del convoglio che deragliò quel fatidico 6 agosto del 2010, è stato condannato per i reati di disastro ferroviario e omicidio plurimo colposo

Sono tre gli anni di reclusione per Giancarlo Naso, il macchinista che era alla guida della Circumvesuviana quel maledetto 6 agosto del 2010, quando il convoglio, diretto verso il Centro Direzionale, deragliò. Il bilancio fu terribile: 2 morti e 58 feriti.

Per Naso sono stati confermati i reati di disastro ferroviario e omicidio plurimo colposo. Il pm aveva chiesto otto anni di reclusione.

LE VITTIMEA morire nel disastro furono il 71enne Giuseppe Marotta ed il 47enne Giorgio Cautiero. Tra i 58 feriti anche Vincenzo Scarpati, che stette anche alcune settimane in coma per poi rimettersi.

Potrebbe interessarti

  • Ogni quanto bisogna lavare le lenzuola e perché

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

  • Formiche: tutti i rimedi per allontanarle di casa

  • Il miglior bartender d'Italia è Salvatore Scamardella

I più letti della settimana

  • Morta sull'Asse mediano: la vittima è Imma Papa

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 24 al 28 giugno: Diego si mette nei guai

  • Grave incidente sulla Tangenziale di Napoli, morto uno dei due feriti

  • Tragico incidente sull'Asse Mediano: morta una donna

  • Grave incidente sulla Tangenziale di Napoli: lunghe code e traffico paralizzato

  • Lutto a Pozzuoli, 33enne si toglie la vita

Torna su
NapoliToday è in caricamento