Tragedia Circumvesuviana con 2 morti e 58 feriti: tre anni al macchinista

Giancarlo Naso, alla guida del convoglio che deragliò quel fatidico 6 agosto del 2010, è stato condannato per i reati di disastro ferroviario e omicidio plurimo colposo

Sono tre gli anni di reclusione per Giancarlo Naso, il macchinista che era alla guida della Circumvesuviana quel maledetto 6 agosto del 2010, quando il convoglio, diretto verso il Centro Direzionale, deragliò. Il bilancio fu terribile: 2 morti e 58 feriti.

Per Naso sono stati confermati i reati di disastro ferroviario e omicidio plurimo colposo. Il pm aveva chiesto otto anni di reclusione.

LE VITTIMEA morire nel disastro furono il 71enne Giuseppe Marotta ed il 47enne Giorgio Cautiero. Tra i 58 feriti anche Vincenzo Scarpati, che stette anche alcune settimane in coma per poi rimettersi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento