menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Sorrento, scoperta rete di pusher: in manette cinque persone

Quattro uomini e una donna ritenuti responsabili di spaccio di cocaina, eroina, hashish e marjuana. Generosa disponibilità di metadone: una sorta di "canale" sempre aperto e gestito come un sert clandestino

L'operazione dei carabinieri di Sorrento

Cinque persone, quattro uomini e una donna, sono stati arrestati dai carabinieri di Sorrento che hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare (quattro in carcere e una ai domiciliari) emesse dal gip di Torre Annunziata. Tutti sono ritenuti responsabili di spaccio di cocaina, eroina, hashish, marjuana e metadone.

Nel corso di indagini coordinate dal pm della Procura oplontina di Torre Annunziata Mariangela Magariello, i militari dell'Arma hanno ricostruito le modalità operative della rete di spacciatori operante in diverse aree della Penisola sorrentina. Secondo quanto emerso dall'attività investigativa - condotta dal nucleo operativo della compagnia di Sorrento e dalla stazione di Massa Lubrense - ognuno degli indagati sarebbe responsabile di aver movimentato quotidianamente decine di dosi di eroina e cocaina acquistate sulle piazze napoletane e vesuviane al fine di spacciarle successivamente a consumatori della Penisola sorrentina.

Gli investigatori hanno anche accertato la singolare circostanza della costante e generosa disponibilità di metadone: una sorta di "canale" sempre aperto e organizzato, gestito come un sert clandestino. Malgrado ciascuno degli arrestati operasse per conto proprio, costanti erano i contatti tra loro per scambiarsi informazioni e consigli su prezzi, qualità della droga, precauzioni per sfuggire ai controlli e altri suggerimenti.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cultura

      Gomorra, parla la trans "Nina": "Anche nella vita ho avuto un fidanzato come Salvatore Conte"

    • Cronaca

      Agguato in via Catone: muore in ospedale un 37enne

    • Notizie SSC Napoli

      CALCIOMERCATO - Dalla Francia: "Psg, avviati contatti con entourage Higuain"

    • Cronaca

      Gomorra, intervista alla trans Alessandra Langella: "Ogni giorno mi scontro con i pregiudizi"

    Torna su