Il bar della solidarietà: "A chi è in difficoltà regaliamo da mangiare"

Si tratta dell'iniziativa di un locale di Ercolano, che dopo le 20 cede gratuitamente ai bisognosi quanto è rimasto invenduto

Il cartello

“A chi è in difficoltà, doniamo volentieri cornetti, pizze e dolci avanzati”: è quanto scritto su di un cartello affisso dai titolari dell'Aramar Bar all'esterno del locale.

Ad Ercolano, su via Panoramica, si fa opera di solidarietà. Al gestore Angelo Russolillo l'idea è venuta vedendo in zona sempre più indigenti. Alle 20, poco prima della chiusura, il ber regala quanto rimasto invenduto.

In molti, soprattutto anziani, passano ogni giorno di là a prendere qualcosa. I titolari ne sono felici. L'iniziativa sta avendo successo anche sui social: pochi giorni, già migliaia di like. Ercolano ringrazia Angelo, Raffaella e Francesco, e loro - semplicemente - chiedono agli altri commercianti della zona di seguire il buon esempio di quanto stanno portando avanti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di virginia
    virginia

    Bravi una bella iniziativa.complimenti!!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sangue sulla movida, accoltellato 19enne

  • Notizie SSC Napoli

    Festa Scudetto Juve con bare e cori contro il Napoli: "Offesa la dignità di un popolo"

  • Cronaca

    Taxi senza pos a piazza Garibaldi: "Costretta a prelevare al Bancomat per pagare la corsa"

  • Cronaca

    Dopo N'albero, ruota panoramica sul Lungomare: la proposta

I più letti della settimana

  • Napoli baciata dalla fortuna più che mai: vinto più di un milione al Superenalotto

  • Liberato è un detenuto del carcere di Nisida? La tesi spopola sul web

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 21 al 25 maggio 2018

  • Travolti fuori dalla metro di Chiaiano: è caccia al pirata della strada

  • Boato nella notte a San Giorgio, paura anche nei comuni vicini: colpito un ristorante

  • Palpeggia una ragazza nel bagno del bar: il marito lo manda all'ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento