Cibo in cattivo stato di conservazione in ospedale, la precisazione: "Speculazioni che danneggiano il lavoro"

"L’ASL, in ogni caso, sta effettuando ulteriori verifiche su quanto segnalato"

L’ospedale di Frattamaggiore è alla vigilia di importanti cambiamenti. Antonio d’Amore, Direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord: “A breve attiveremo i cinque posti letto di terapia intensiva che si attendevano da oltre 20 anni e nei prossimi mesi sostituiremo la vecchia TAC con un’apparecchiatura di nuova generazione. Già oggi, invece, possiamo contare su reparti appena rinnovati quali: la chirurgia, la ginecologia-ostetricia, il Day Hospital oncologico, il Pronto Soccorso. Inoltre, abbiamo un progetto per ampliare ulteriormente l’ospedale. Ho rappresentato questa situazione al Presidente De Luca; è sua ferma intenzione mantenere il reparto di Cardiologia a Frattamaggiore e confermare l’UOC di Chirurgia Generale, confermando così quanto previsto nel Piano Ospedaliero Regionale presentato a novembre, prima dei tagli imposti dal Ministero”.

Il valore dell’ospedale

La cardiologia di Frattamaggiore è un reparto ad alto volume di trattamento di infartuati - ogni anno oltre 200 persone arrivano al San Giovanni di Dio con un infarto in corso – ed è una struttura che ogni anno dal 2011 al 2015 l’Agenzia Nazionale per la Sanità ha segnalato tra le migliori in Campania per la bassa mortalità a 30 giorni dei pazienti trattati per infarto acuto. L’importanza della cardiologia di Frattamaggiore è segnalata anche dall’essere stato individuato come struttura “spoke” nell’ambito della rete dell’Infarto Acuto del Miocardio. L’ospedale di Frattamaggiore assume un ruolo essenziale per il territorio in cui è inserito, forte degli oltre 56.000 accessi in Pronto Soccorso fatti registrare nel 2018. Il San Giovanni di Dio, infatti, si colloca nell’area italiana con la maggiore densità abitativa per kmq. A Casavatore abitano oltre 12.000 persone per kmq; è il comune più densamente popolato d’Italia, mentre anche Frattaminore, Arzano, Melito, Cardito sono tra i primi dieci comuni più popolosi del nostro Paese in rapporto all’estensione territoriale.

Le verifiche sulla qualità del cibo distribuito ai pazienti

"In merito ad alcune fotografie pubblicate su Facebook e riprese da alcuni giornali che mostravano cibo in cattivo stato che sarebbe stato distribuito a pazienti a Frattamaggiore, le immagini non permettono di capire se si tratti di foto scattate in ospedale, in quale data, in quale reparto, né se si trattasse effettivamente del vitto somministrato ai pazienti. Nessuno, infatti, ha segnalato problemi inerenti cibo in cattivo stato di conservazione. Ogni giorno presso ciascun reparto, un infermiere verifica lo stato del cibo prima di metterlo in distribuzione. La Direzione aziendale invita tutti coloro che rilevino eventuali problemi nella qualità del vitto – siano essi privati cittadini o Istituzioni - a farlo presente al personale in servizio, alla direzione dell’ospedale o alla direzione dell’ASL, così da permettere di accertare la reale natura dei fatti e non alimentare inutili allarmismi. Fare facile propaganda contro la sanità campana, speculando su immagini di dubbia provenienza pubblicate sui social network, significa danneggiare in primis il serio lavoro di tanti operatori che con professionalità e abnegazione si fanno carico ogni giorno delle problematiche dei pazienti. L’ASL, in ogni caso, sta effettuando ulteriori verifiche su quanto segnalato", precisa l'azienda ospedaliera in una nota. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • Folle fuga in tangenziale dopo aver rubato un'auto: travolgono le auto incolonnate nel traffico

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

Torna su
NapoliToday è in caricamento