Chiaiano: via Santa Maria a Cubito, la strada come un colabrodo

Dissestata e piena di pericolose buche. Il consigliere Poggiani: "Voragini di metri profonde anche 40 cm e lavori fermi. Per avere una strada sana bisogna aspettare solo il miracolo di San Gennaro"

Strada dissestata a Chiaiano - foto Ivo Poggiani

Via Santa Maria a Cubito e Via Emilio Scaglione completamente dissestate. Le due strade costituiscono l'arteria principale e maggiormente trafficata del quartiere di Chiaiano-Marianella, ma sono ridotte come un colabrodo: buche enormi e pericolose, asfalto rovinatissimo. Un degrado costante, tanto che i residenti non ricordano più quand'è stata l'ultima volta che hanno visto la strada in buono stato e praticabile senza rischi.

A denunciare la situazione insostenibile di Chiaiano è il consigliere dell'ottava municipalità, Ivo Poggiani: "Questo e' lo stato dell'arte di Santa Maria a Cubito e via Emilio Scaglione" scrive sulla sua pagina di facebook Poggiani, mostrando una foto (quella allegata all'articolo) esplicativa più di qualunque parola.

"Voragini di metri profonde anche 40 cm" continua il consigliere municipale che denuncia: "La Regione dopo un anno ha trasferito i fondi al comune che ha appaltato la gara. La ditta vincitrice di un appalto di manutenzione che comprende varie strade, ha iniziato i lavori e si è fermata subito per avere (anche giustamente) i soldi. Il Comune ha pagato circa 250 mila euro, ma la ditta è ancora ferma. Pare che per avere una strada sana ora bisogna aspettare solo il miracolo di San Gennaro!"

 Poggiani espone poi la situazione, chiedendo una rapida risoluzione, all'Assessore alla manutenzione stradale Anna Donati:

"Con la presente, si solleccita ancora, l'intervento del vostro assessorato per la risoluzione completa della problematica in oggetto (il dissesto stradale di via Santa Maria a Cubito e via Emilio Scaglione n.d.r.)" E' l'intestazione della missiva del consigliere municipale diretta all'assessore.

"Come Lei sa - prosegue Poggiani -, finalmente dopo circa un anno la Regione Campania, ha trasferito i soldi necessari per la sicurezza stradale per poi procedere al bando di gara e all'assegnazione alla ditta vincitrice dell'appalto. La ditta ha iniziato i lavori su altre strade della città senza, a mio avviso, tenere conto delle priorità. Le strade in oggetto, sono infatti tra le più trafficate dell'intera città di Napoli, in quanto congiungono la zona di Capodimonte, San Rocco, Frullone, Marianella e Chiaiano con tutti i Comuni a Nord della città di Napoli.

Gli incidenti stradali si susseguono, come probabilmente le avranno relazionato gli uffici della Polizia Municipale, con le spese che verranno poi a gravare sui debiti fuori bilancio e quindi sulle tasche dei contribuenti.

L'ANM lamenta ormai da mesi numerosi guasti, causati dalle vibrazione e dalle buche, sui propri pullman.

La ditta ha ricevuto un primo sostanzioso anticipo sui lavori (250 mila euro), ma di azioni concrete su queste strade non se ne vedono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosciente della responsabilità della regione Campania che ci ha messo più di un anno a trasferire i soldi al Comune di Napoli, cosciente anche della rapidità con la quale il Comune ha fatto bando di gara e assegnazione, vorrei però domandarLe come mai la ditta non inizia i lavori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento