“Cavallo di ritorno” su un'auto: in manette un 30enne

Ha provato anche a scappare quando ha capito che i poliziotti erano lì per lui

Stanotte gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Portici-Ercolano hanno arrestato un 30enne napoletano, già noto alle forze dell’ordine, perché responsabile del reato di truffa aggravata e resistenza. I poliziotti durante il normale servizio di controllo del territorio nei pressi di viale Melina a Portici hanno rinvenuto un’autovettura rubata. Gli agenti hanno accertato successivamente che l’autovettura era stata parcheggiata lì dopo che la vittima del furto aveva pagato la somma di 400 euro al 30enne, che ha inscenato la truffa del “cavallo di ritorno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

Poco dopo hanno intercettato l'uomo, ancora in zona, che alla loro vista ha cercato di eludere il controllo proseguendo la marcia. L’uomo è stato prontamente bloccato e nella tasca destra dei pantaloni è stata rinvenuta la somma di 200 euro suddivisi in banconote di vario taglio, mentre negli slip nascondeva una dose di cocaina, due pezzi di sostanza marrone, risultata essere “hashish”. I poliziotti, con non poche difficoltà, hanno proceduto all’arresto del 30enne che è poi stato condotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 2 aprile a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento