Sepe: "Camorristi come i topi, costretti a vivere nelle fogne per paura"

Il cardinale duramente attaccato i camorristi nel corso dell'omelia per la giornata dei Defunti

Crescenzio Sepe

"Avranno anche le case con i rubinetti d'oro, ma sono come i topi, costretti a vivere nelle fogne per paura". È così che il cardinale Crescenzio Sepe ha duramente attaccato i camorristi nel corso dell'omelia per la giornata dei Defunti.

"Se tutto va bene faranno un bel numero di anni nelle carceri - ha proseguito l'arcivescovo metropolita di Napoli - E quando non va bene si ritrovano al cimitero".

"Chi mette la sua vita a disposizione del male e della violenza, dell'odio e del rancore - ha affermato ancora Sepe - fa della sua vita un emblema di quel male che cerca di sopraffare continuamente, già vive l'inferno adesso". "Perché queste organizzazioni malavitose, questi camorristi, questi mafiosi - ha concluso il cardinale - vivono l'inferno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, grave lutto per Luisa Amatucci: si è spenta la madre

  • Muore sulla tomba del figlio: tragedia nel cimitero

  • Scossa di terremoto nella notte: l'evento di magnitudo 2.8 nella zona flegrea

  • Terremoto, l'Osservatorio Vesuviano: "Il più forte dalla ripartenza del bradisismo nel 2006"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 9 al 13 dicembre

  • Sciopero Trasporti a Napoli il 10 dicembre: gli orari di Anm

Torna su
NapoliToday è in caricamento