Sepe: "Camorristi come i topi, costretti a vivere nelle fogne per paura"

Il cardinale duramente attaccato i camorristi nel corso dell'omelia per la giornata dei Defunti

Crescenzio Sepe

"Avranno anche le case con i rubinetti d'oro, ma sono come i topi, costretti a vivere nelle fogne per paura". È così che il cardinale Crescenzio Sepe ha duramente attaccato i camorristi nel corso dell'omelia per la giornata dei Defunti.

"Se tutto va bene faranno un bel numero di anni nelle carceri - ha proseguito l'arcivescovo metropolita di Napoli - E quando non va bene si ritrovano al cimitero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chi mette la sua vita a disposizione del male e della violenza, dell'odio e del rancore - ha affermato ancora Sepe - fa della sua vita un emblema di quel male che cerca di sopraffare continuamente, già vive l'inferno adesso". "Perché queste organizzazioni malavitose, questi camorristi, questi mafiosi - ha concluso il cardinale - vivono l'inferno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento