Al Cardarelli ci sono troppi malati, richiamato in servizio il personale

Il manager dell'Ospedale Cardarelli, Ciro Verdoliva, ha firmato una disposizione per richiamare in servizio gli infermieri e gli operatori socio-sanitari a causa della forte affluenza in pronto soccorso

Negli ultimi giorni c'è stato un grande afflusso al pronto soccorso dell'Ospedale Cardarelli di Napoli e anche oggi nella mattinata il ritmo è stato serrato. Sono 111 gli accessi registrati.

Per fronteggiare l'emergenza, i vertici del Cardarelli hanno richiamato in servizio personale infermieristico e operatori socio sanitari. La disposizione, firmata ieri dal direttore generale, Ciro Verdoliva, resta in vigore fino a lunedì 8, giorno in cui, in seguito ad una riunione tra i vertici, sarà deciso se l'ordine di servizio potrà essere soppresso, se andrà mantenuto o se andrà potenziato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cardarelli preso d'assalto, 300 pazienti nella notte

 “Per poter fronteggiare un carico maggiore di accessi al Pronto soccorso", spiega Ciro Verdoliva, " all'Osservazione breve intensiva e nelle Aree di medicina ho dovuto aumentare la forza lavoro, con particolare riferimento agli operatori infermieristici e a quelli socio sanitari. Le sofferenze maggiori si registrano in area medica, mentre nelle chirurgie si lavora normalmente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Lutto in Prefettura, muore 65enne nel giorno del suo compleanno

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

Torna su
NapoliToday è in caricamento