homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Capri: sub scopre antichissimo carico navale di ossidiana

Potrebbe essere sul fondale da 5mila anni. A scoprirlo, Vasco Fronzoni, esperto sub caprese: "il ritrovamento potrebbe scrivere nuove pagine sui commerci e sulle rotte dell'antichità"

Capri

Ritrovamento di un carico navale di ossidiana risalente a alcune migliaia di anni addietro nel mare dell'isola di Capri. Autore della scoperta è Vasco Fronzoni, l'esperto subacqueo caprese che in una delle sue immersioni quotidiane si è trovato di fronte a un incredibile avvistamento.

Fronzoni, nel rendere pubblica oggi la notizia dopo aver depositato in Soprintendenza la denuncia e la relazione del rinvenimento, afferma che "il ritrovamento potrebbe aggiornare la storia dell'isola e scrivere nuove pagine sui commerci e sulle rotte dell'antichità". Il carico, che secondo il sub "giace sui fondali dell'isola da oltre cinquemila anni", è legato, dice Fronzoni, "alla presenza di un relitto navale di epoca neolitica che trasportava lungo le nostre coste un carico di ossidiana che nell'epoca preistorica veniva adoperata come materia prima per la fabbricazione di armi, utensili e altri manufatti ed era tra i più pregiati elementi prima dell' avvento dei metalli".

Probabilmente quello rinvenuto a Capri è uno dei più antichi carichi marittimi ritrovati nel bacino del Mediterraneo. Nel prossimo mese di settembre, mediante rilievi geodetici e geofisici, sarà individuata la sua precisa localizzazione e saranno raccolti tutti gli elementi per inquadrare da un punto di vista storico e archeologico il sito e i reperti da parte di un gruppo di lavoro di cui faranno parte il Centro Studi Subacquei Napoli e l'università Parthenope, con l'appoggio della Soprintendenza Archeologica di Napoli.
(ANSA)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Terremoto Centro Italia: a Napoli 46mila persone vivono in zone a rischio

    • Incidenti stradali

      Incidente in moto: muore l'ambasciatore Vincenzo Schioppa Narrante

    • Cronaca

      Guida contromano in autostrada: fermato nel nolano

    • Chiaia

      Mergellina, cade sugli scogli: soccorso dai pompieri

    I più letti della settimana

    • Terremoto nel Centro Italia, scosse avvertite anche a Napoli

    • Claudio Baglioni interrompe il concerto: fuochi d'artificio troppo rumorosi

    • Terremoto Centro Italia, il punto dell'Osservatorio Vesuviano sulla situazione

    • Terremoto Centro Italia, scosse avvertite anche a Napoli: "Abbiamo avuto paura"

    • Incidente mortale in autostrada, Giuseppina al marito: "Sei stanco, guido io"

    • Terremoto Centro Italia, raccolta beni di prima necessità all'Ex Opg

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento