Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Capodanno di sangue, la zia del bambino ferito: "A San Giovanni si spara tutti i giorni"

 

"Stefano sta bene ma ha rischiato di restare invalido". A parlare è la zia del 12enne ferito a San Giovanni a Teduccio, in via Sorrento, nella notte di capodanno da un proiettile vagante. Non si è trattato di uno sparo per i festeggiamenti, ma di una stesa, un avvertimento della camorra della zona, che ha colpito un bambino innocente. 

"Non c'entra nulla il Capodanno - prosegue Adele Guida, la zia del ragazzo - qui a San Giovanni sparano tutti i giorni. E' colpa di questa 'monnezza' e a pagare le conseguenze siamo noi persone perbene". 

"Situazione grave, prezzi grossi della mala tornati liberi": l'intervista al parroco.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento