Campo rom a Via del Riposo: le proteste dei residenti

Nel centro temporaneo, voluto dall'assessore al Welfare Roberta Gaeta, 28 casette di legno allestite da Napoli Servizi ospiteranno famiglie già seguite dai servizi sociali

La notizia è recente: sorgerà in via Del Riposo, nei pressi cimitero di Poggioreale, il nuovo campo Rom che accoglierà 168 posti e 28 containers. Saranno accolti nello spazio i Rom di via Brecce a Sant'Erasmo. Una decisione, però, che lascia l'amaro in bocca a molti, soprattutto ai residenti della zona.

Perché i rom sono spesso vittime e carnefici allo stesso tempo. C'è chi deve pagare un pizzo di 5 euro ciascuno al giorno: "È il permesso per rubare, accattonare, far prostituire le mogli e i minori - spiega un abitante del posto al Mattino - E poi ci sono gli affari al contrario: la camorra li paga per smaltire in quel campo materiali di ogni tipo. In questo caso i rom ricevevano 20 euro a furgone, poi si liberavano del materiale combustibile con un fuoco o lo sversavano semplicemente ai margini delle baracche".

Il centro temporaneo (la delibera parla di 18 mesi) voluto dall’assessore al Welfare Roberta Gaeta è composto da 28 casette di legno allestite da Napoli Servizi che ospiteranno famiglie già seguite dai servizi sociali, inserite in un processo di integrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perplessa anche la consigliera Liliana Vitale della Quarta Municipalità: "Integrare per l’assessore Gaeta significa abbandonare queste famiglie rom su una discarica abusiva altamente tossica?. Questo territorio è abbandonato e noi che ci abitiamo, siamo cittadini di serie C: non ci sono iniziative culturali, sociali. Niente. Abbandonati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento